Tagliatelle, taiadeli o tajadel, mille modi per dire bontà.

In Emilia Romagna, così come anche in altre regioni italiane, le tagliatelle sono sinonimo di tradizione a tavola.

Una pasta all’uovo diffusa nelle cucine tipiche principalmente del Centro e del Nord Italia; tutte con un’unica ricetta di base, ma tante varianti per quanto riguarda i condimenti.

Oggi vogliamo solleticare il vostro appetito accompagnandovi in un viaggio del gusto, fatto di sapori nostrani, ingredienti genuini e colori allegri!

Sin dalle antiche origini, gli ingredienti di base per la preparazione delle tagliatelle sono i classici di molte altre preparazioni: farina, uova e acqua.

Quello che le differenzia, oltre ovviamente al tipo di taglio della pasta (che si ottiene arrotolando la sottile sfoglia e tagliandola ogni centimetro circa, da cui il nome appunto tagliatella) è la molteplicità di condimenti differenti con le quali si possono proporre.

Tagliatelle al ragù

Trovandoci a Rimini non potevamo non cominciare parlando delle regine indiscusse della tavola: le tagliatelle al ragù!

Tagliatelle,-taiadeli-o-tajadel,-mille-modi-per-dire-bontà.5

Tagliatelle al ragù

Tutt’altro che semplici da preparare, le tagliatelle sono la base della prova di cucina per qualsiasi vera “azdora” romagnola, oltre alla piadina.

Come si fanno le tagliatelle al ragù?

  • Impastare gli ingredienti: un ottimo allenamento per bicipiti e tricipiti;
  • Tirare la soglia, una valvola di sfogo importante, grazie all’uso del mattarello;
  • E poi qualche ora di relax e tanta pazienza per la cottura del ragù tradizionale

Un circuito completo che termina con la posa da pole-position: ginocchia sotto al tavolo, forchetta in mano, fazzoletto a mo’ di bavaglio per parare gli schizzi di sugo e un bel vassoio di tagliatelle fumanti in mezzo alla tavola, per condividere con gli amici un pranzo da veri campioni.

La versione light

Per chi non ama il ragù di carne e preferisce un condimento un po’ più leggero, troviamo dal vicino Veneto una versione della tradizione, ovvero le tagliatelle ai piselli (altrimenti dette: tajadele coi bisi).

I bisi, cioè appunto i piselli freschi, sono una varietà di legume molto utilizzato nella cucina veneta; li troviamo anche nel classico “Risi e bisi” (risotto con i piselli), o nei Piselli alla veneta: un contorno veloce e saporito preparato con piselli, cipolla e pancetta affumicata.

Tagliatelle,-taiadeli-o-tajadel,-mille-modi-per-dire-bontà.2

Tagliatelle versione light

Che siano semplici piselli freschi, oppure accompagnati dalla pancetta come nella versione del contorno sopra citato, o ancora proposti con abbinamenti più da novelle cousine come crema di piselli e menta, daranno in ogni caso un tocco più primaverile alla pasta.

Le tagliatelle estive

Volete anche qualche idea estiva della tagliatella? Allora per non sbagliare cercate qualche ricettina con un sugo di pesce; ad esempio gamberi e zucchine, una combinazione sempre gradita anche in riva al mare sia dai grandi che dai più piccini.

Tagliatelle,-taiadeli-o-tajadel,-mille-modi-per-dire-bontà.3

Tagliatelle estive con zucchine e gamberi

Se invece siete dei veri “pro” in cucina e volete stupire i vostri commensali, andate sul gourmet con una tagliatella alle ortiche e calamari!

Servitele con una perfetta cottura al dente e accompagnate da una fresca bottiglia di vino bianco, come un Verdicchio o un Pinot bianco.

Vi è venuta un po’ di acquolina? Non avevamo dubbi!

Che siate carnivori, vegetariani o super palati raffinati, la tagliatelle a tavola mette sempre tutti d’accordo.