Evoluzione del senza glutine negli ultimi anni

cucina sana e senza glutine e genuina hotel corallo rimini

Negli ultimi anni la richiesta di alimenti senza glutine ha visto una crescita esponenziale.

Un dato così significativo non può essere attribuito solo all’aumento delle persone che soffrono di allergie e intolleranze alimentari, ma va letto in un contesto più ampio che coinvolge vari aspetti legati allo stile di vita e al modo di interpretare la nutrizione.

Se fino a qualche anno fa la produzione di alimenti senza glutine era affidata ad un numero ristretto di aziende, perlopiù specializzate solo nella filiera gluten free, e la distribuzione riguardava quasi esclusivamente le farmacie, oggi lo scenario è cambiato.

E anche tanto!

Già da diversi anni i celiaci non sono più considerati alla stregua di alieni capitati per sbaglio su un pianeta dominato dal glutine!

Ad invertire la rotta ha sicuramente contribuito l’aumento del numero dei celiaci: sono circa 2 italiani su 100 secondo i dati della Fondazione Veronesi e degli intolleranti con sintomi più lievi.

La domanda è aumentata e i produttori si sono adeguati affiancando ai loro “normali” stabilimenti, interi reparti produttivi dedicati solo al gluten free.

Ma non è solo l’aumento dei casi di intolleranza al glutine che ha determinato e continua a determinare il costante aumento della richiesta dei cibi a spiga barrata.

Scopriamone di più a riguardo!

sala ristorante hotel corallo rimini

Ridurre il glutine nella dieta fa bene.

Una ricerca condotta dal National Center for Biotechnology Information (NCBI) ha dimostrato che, anche chi non soffre di celiachia o altre forme di intolleranza specifica, può avere reazioni negative al glutine.

In particolare, lo studio si è basato sull’individuazione di 34 persone affette da disturbo dell’intestino irritabile, che sono state poi divise in due gruppi: uno sottoposto a dieta con glutine, l’altro a dieta senza glutine.

Il gruppo che seguiva la dieta con glutine ha presentato un netto peggioramento della sintomatologia rispetto al gruppo al quale era stato tolto completamente il glutine dal regime alimentare.

Hanno registrato aumento del dolore intestinale, diarrea, gonfiore, senso di affaticamento e, nei casi più gravi, infiammazione e danni alla parete intestinale.

Numerose anche le ricerche che hanno dimostrato come una dieta ricca di glutine possa indebolire la barriera difensiva dell’intestino, quella che impedisce a sostanze tossiche, virus e batteri di entrare in circolo nel sangue.

L’indebolimento della barriera ematoencefalica crea permeabilità intestinale, esponendo l’organismo a rischi notevoli.

Le principali malattie infiammatorie intestinali (malassorbimento, Morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa) sono scatenate per il 25% da una predisposizione genetica che, tuttavia, potrebbe rimanere silente anche per tutta la vita.

A scatenare o meno l’insorgenza della malattia contribuisce il restante 75%: l’alimentazione.

Quando si viene a creare permeabilità intestinale, nel nostro corpo può entrare qualsiasi cosa.

Anche un virus apparentemente innocuo come l’herpes, se si insinua nel cervello, può provocare encefalite o, nei soggetti più anziani, Alzheimer.

Gli studi sull’argomento, sempre più numerosi e dettagliati, hanno aiutato a rendere le persone più consapevoli dei potenziali danni derivanti dall’introduzione eccessiva del glutine nella propria dieta.

Eliminarlo per un periodo di tempo dal proprio regime alimentare e variare la dieta con altri alimenti (verdure, frutta, carne, pesce, legumi) non potrà che fare bene.

E se proprio sentiamo il desiderio di addentare un pezzo di pizza o gustare un delizioso piatto di pasta possiamo prenotare un tavolo in un ristorante con cucina per celiaci o ricorrere ai tanti prodotti gluten free in commercio.

Ce n’è davvero per tutti i gusti: farine, lieviti e addensanti; pasta e Cous Cous; pane e sostituti del pane; insaporitori, salse e sughi; zuppe e vellutate; biscotti, torte e dolci da forno; snack dolci e salati; cereali, creme e merendine.

Se volete togliervi la curiosità date un’occhiata alla sezione ristorante del nostri sito e guardate che golosità gluten free cucina il nostro chef.