LA FIERA DEL TARTUFO DI SANT`AGATA FELTRIA

Ottobre e` iniziato da ormai qualche giorno e profuma di tartufo.

Dovete sapere che nell’antichità si credeva che il tartufo nascesse dall’unione di acqua, fulmini e calore. Numerosi poeti ne trassero spunto per dare vita a poesie e sonetti. Pensate che agli albori si era soliti raccogliere tartufi utilizzando maialini che, aimè finivano per mangiarli da tanto ne erano ghiotti.

Al giorno d’oggi, come sapete, si utilizzano fortunatamente solo tenerissimi cani addestrati alla ricerca sia di tartufi bianchi che neri.

PER TUTTO OTTOBRE OGNI DOMENICA DEL MESE SI TERRÀ A SANT`AGATA FELTRIA LA FIERA DEL TARTUFO.

Potrete degustare un`ampia selezione di piatti cucinati con questo prelibatissimo tubero. Ogni pietanza verrà arricchita con arte e sapienza utilizzando i prodotti tipici della tradizione romagnola. Cosa dire dei tortelli o degli gnocchi con burro e tartufo, o delle classiche bruschette o dei superlativi cappellacci sempre spolverati al tartufo bianco.

Divini… una vera libidine per il palato.

Oltre agli stand enogastronomici potrete passeggiare per le vie del paese lasciate ancora fedeli alla tradizione e ai costumi di un borgo storico di collina proprio come Sant’agata.

In occasione della fiera del tartufo di Sant`Agata Feltria vengono organizzati numerosi eventi collaterali, come ad esempio la gara con cani da tartufo.

La gara si svolge nel giardino comunale di Sant’Agata Feltria. L’area viene divisa in due sezioni, una per i cani di sesso maschile e l’altra per quelli di sesso femminile. I concorrenti dovranno cercare i pezzi di tartufo precedentemente disseminati nel terreno. Il tutto verrà valutato da un’attenta giuria che ne garantirà il rispetto delle regole. Al termine verranno premiati i dieci vincitori e omaggiati tutti gli altri partecipanti.

Direi che è un’ottima occasione per scoprire le bellezze del nostro entroterra ricco di cultura e tradizioni e perchè no assaporare prelibatezze a base di tartufo da far girare letteralmente la testa.