La grande danza contemporanea al Teatro Galli

danza contemporanea teatro galli rimini

“Combattimento”: la grande danza contemporanea al Teatro Galli va in scena il 4 aprile

Buongiorno e bentornati sul blog dell’Hotel Corallo Rimini, nella sezione dedicata agli eventi che si terranno al Teatro Galli.

Nuovo grande evento di danza per “E’ BAL – Palcoscenici romagnoli per la danza contemporanea”, storico percorso danza del Teatro Galli di Rimini.
In scena il prossimo 4 aprileCombattimento”, spettacolo-danza diretto da Claudia Sorace e interpretato da Annamaria Ajmone e Sara Leghissa.
Uno spettacolo di amore e guerra che, nel pieno stile della compagnia che lo produce, la “Muta Imago”, fondata da Claudia Soracee Riccardo Fazi, drammaturgo e sound designer, mira a mettere in relazione attraverso forme e storie sempre nuove la sfera dell’immaginazione con quella della realtà umana, politica e sociale.

La compagnia, attiva dal 2006 tra Roma e Bruxelles, realizza spettacoli, performance e installazioni in cui lo spazio è quello delrapporto e del conflitto tra l’essere umano e il suo tempo.
Proprio come in “Combattimento”, dove l’amore diventa guerra, la seduzione conquista e il desiderio trascende il suo senso più puro e profondo per diventare mistero e perdita del sé.
I corpi delle due performer, attorno cui si fonda lo spettacolo stesso, sono il veicolo per condividere con il pubblico l’esperienza, affascinante e alienante insieme, dell’uscita da sé, della trasformazione e della fusione/incontro con l’altro.

Per fare ciò la regista Claudia Sorace ha scelto di affidarsi, come tema base, al concetto del mating, ossia quell’insieme di movimenti e suoni (danza, appunto) che gli uccelli mettono in atto durante la fase del corteggiamento del partner.
Partendo da un setting così selvaggio e primordiale, ispirato al mondo istintivo degli animali, lo spettacolo vira poi verso riferimenti culturali diversi, persino contrapposti.
I due corpi continuano il loro movimento ipnotico e circolare, che altro non simboleggia se non l’amore come spinta del desiderio ed esibizione del sè, e l’amplesso come scambio e fusione in un’unica identità.
Lo spettatore viene avvolto dalla potenza delle note dell’Après-midi d’un faunedi Nijinski e dalla capacità evocativa delle musiche di Sergio Leone.

Un’occasione da non perdere per tutti gli estimatori della compagnia “Muta Imago”, che, ricordiamo, in passato ha realizzato importanti successi come “Bartleby”, racconto per suono e immagini ispirato ai Racconti Americani di Herman Melville, e “Canti Guerrieri”, allestimento musicale del ciclo dei Canti Guerrieri, prima parte dell’VIII libro dei Madrigali di Monteverdi, fortemente voluto dalla Sagra Malatestiana di Rimini.