LA NOSTRA GITA DI NATALE A SAN LEO

Buongiorno e buon mercoledì!

OGGI NE APPROFITTIAMO PER RACCONTARVI LA NOSTRA GITA DI NATALE A SAN LEO, CITTADINA STORICA DEL NOSTRO ENTROTERRA CHE NOI RIMINESI, E NON SOLO, ADORIAMO.

Nell’offerta che abbiamo proposto ai nostri ospiti in occasione del Capodanno, abbiamo inserito tra le varie attività da svolgere durante il loro soggiorno una piacevole gita a San Leo.

Dopo pranzo siamo partiti dal nostro hotel insieme ai 22 ospiti che hanno deciso di aderire alla nostra iniziativa e, in circa una mezz`ora di macchina, li abbiamo condotti nel nostro adorato entroterra. L’impressione che abbiamo avuto osservandoli è stato di stupore di fronte ad un borgo antico davvero suggestivo. In molti non si immaginavano una Rimini storica e ricca di emozioni, ma in realtà è proprio così.

La nostra visita a San Leo inizia dal Duomo romanico, luogo sacro che incarna i vari periodi storici e architettonici che San Leo ha attraversato in questi secoli. Successivamente siamo andati a vedere la cripta, la cella di Cagliostro, mago malefico e benefattore allo stesso tempo e la sala delle torture.

Grazie alla nostra fantastica guida siamo riusciti a coinvolgere non solo i grandi ma anche i più piccini. Cristian, la nostra guida, ha proprio la capacità di raccontare la storia del nostro entroterra dal punto di vista storico, ma anche attraverso gli occhi di chi vive ora i nostri borghi e le nostre città. Non mancano quindi i racconti dei nonni o dei sapienti del luogo che attraverso Cristian raccontano la loro storia. Poco dopo abbiamo preso una navetta e in poco tempo siamo arrivati al castello di San Leo, roccaforte dei Montefeltro. Pensate che questo castello accolse personaggi di notevole importanza storica come Dante e San Francesco d’Assisi.

Al ritorno dal castello ci siamo fermati a visitare la Pieve preromanica, sita vicino al Duomo.

A fine visita ci siamo rifugiati in un bar a sorseggiare qualcosa di caldo e a scambiare qualche chiacchiera insieme.

La nostra giornata è terminata in Hotel con una cena calda e succulenta che ci attendeva.

Siamo certi di aver lasciato qualcosa in più ai nostri ospiti: il nostro entroterra e la sua entusiasmante storia.