Caravaggio Experience a Rimini

caravaggio experience a rimini

Caravaggio Experience a Rimini dal 24 marzo al 22 luglio 2018.

Torniamo a parlare di arte qui sul Blog dell’Hotel Corallo Rimini.
Qualche settimana fa vi abbiamo raccontato la Biennale del Disegno, un evento a cui teniamo molto e al quale ci sentiamo molto vicini. Oltre a questo, Rimini apre le porte ad un appuntamento davvero emozionante e imperdibile, perfetto per tutti coloro che amano l’arte e il barocco.
Dal 24 marzo al 22 luglio 2018 si terrà il Caravaggio Experience, una vera e propria esperienza di arte immersiva, dedicata alla vita e alle opere di Michelangelo Merisi.
Farete un vero e proprio viaggio alla scoperta dei segreti, delle tecniche e dei temi affrontati da Caravaggio durante la sua vita.
Il tutto si terrà nella sala dell’Arengo in Piazza Cavour.
Per la nostra città è un evento davvero importante: precedentemente il Caravaggio Experience era stato ospitato a Roma, Torino e Città del Messico.
Saranno 57 i capolavori dell’artista proiettati durante l’evento, grazie alla presenza di 17 proiettori che vi condurranno all’interno di questa esperienza visiva da togliere il fiato.
Camminando attraverso corridoi e sale, verrete rapiti da  proiezioni e musiche rappresentanti l’artista in questione, il tutto per circa cinquanta minuti.
La videoinstallazione riprodurrà fedelmente tutti i temi trattati nelle opere di Caravaggio come gli approfondimenti e gli studi fatti dall’artista sulla luce e l’analisi dei processi compositivi che tanto amava dipingere e rappresentare.
Non mancheranno opere riguardanti la natura, protagonista indiscussa nella vita dell’artista.

Verrete trasportati anche alla scoperta delle città che Caravaggio ha vissuto e nelle quali ha lasciato sempre qualcosa di speciale.

Vedrete come, attraverso mezzi ultramoderni e contemporanei come i vedeorpoiettori utilizzati durante la Caravaggio Experience, potrete vivere l’arte attraverso flussi di emozioni che vi garantiranno una esperienza sensoriale d’altri tempi.

Alla base del progetto c’è infatti una precisa volontà divulgativa, in cui l’uso della terza dimensione e delle soluzioni grafiche guidano progressivamente lo spettatore attraverso i processi creativi dell’artista.

Che altro aggiungere…
Vi aspettiamo a Rimini.